Uno “strano” Peter Pan

Visiona il progetto

Il concorso di Programma il Futuro di quest’anno “Programma una storia” prevedeva un testo, una fiaba o un romanzo rielaborato attraverso l’ambiente di programmazione visuale a blocchi.

Tra i contenuti didattici, relativi all’ambito linguistico, gli alunni avevano già elaborato fiabe o favole che, col capovolgimento dei ruoli, ne favorivano l’aspetto umoristico. 

La modalità narrativa scelta, compatibile con lo strumento specifico previsto, è stato quello dell’animazione che in termini specifici viene denominato “digital storytelling”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *